Altri Sport

Trofeo dell’Adriatico e del Mar Ionio: quarto posto per i Vogatori Rémuri nella prima tappa

Fabrizio Caianiello
12.06.2017 15:06

Nella splendida cornice del porticciolo turistico di Brindisi è iniziata ieri la dodicesima edizione del Trofeo dell’Adriatico e del Mar Ionio, competizione itinerante per imbarcazioni a 10 remi, tra le più importanti manifestazioni remiere del Mediterraneo. Dopo le gare mattutine e pomeridiane, rese estenuanti dal caldo asfissiante, i giudici hanno reso noti i risultati. Per quanto riguarda la categoria maschile, i Vogatori Taras Taranto si sono aggiudicati la tappa con il miglior tempo complessivo, seguiti sul podio da Rematori Magna Grecia Taranto e Ass. M. Cervone Giovinazzo. Ai Vogatori Rémuri Brindisi – asd Brindisi in voga, padroni di casa e organizzatori della manifestazione, è andato un quarto posto che lascia comunque ben sperare per il futuro. Lega Navale Molfetta, Il Palio di Taranto, Circolo Canottieri Termoli e La Ciurma Vasto chiudono la classifica.

A causa di un ricorso durante lo svolgimento delle gare non è stato possibile decretare l’equipaggio vincitore nella categoria femminile (sarà stabilito prima della prossima tappa). Ad ogni modo, le atlete brindisine, alla prima assoluta nel torneo, hanno ben figurato realizzando il miglior tempo nella sessione mattutina.

“Siamo soddisfatti per l’evento organizzato anche grazie alla collaborazione degli sponsor che hanno aderito all’iniziativa “Adotta un remo” – dichiara il presidente dell’associazione e vogatore Antonio Romanelli – siamo felici soprattutto per la bella prova disputata dalla squadra femminile. Un ringraziamento va ai vogatori che sono saliti in barca per la prima volta e alla “nuova” vecchia guardia (in primis Angelo Fontò e Massimiliano Nani) che fa da collante. L’unico neo della manifestazione è rappresentato dalla rivalità tra alcune squadre che va al di là dei contenuti prettamente sportivi”.

Ancora una volta, è stato appuntamento per rivivere tutta la cultura e le tradizioni marinare del nostro paese: la tecnica di voga adottata è quella da sempre in uso sulle scialuppe di salvataggio delle navi scuola della Marina Militare Italiana Palinuro e Amerigo Vespucci. Ancora una volta la squadra brindisina è stata guidata dall’esperto timoniere Franco Romanelli. Ancora una volta il pubblico di casa ha fatto sentire la sua vicinanza incitando dall’inizio alla fine.

Commenti

Tennis, Serie D1: Il CT Brindisi batte Calimera e conquista l’accesso ai Playoff
Roma: Benemerenza della Figc a Tonino Fontanarosa