Basket

Happy Casa sciupona. Al fotofinish passa l'Hapoel Holon per 85-87

Simone Silvestro
03.03.2021 21:19

Brindisi fa e disfa, ed esordisce con una sconfitta il cammino nelle top 16 di Champions League. Dopo aver condotto per quasi tutta la partita è una tripla di Pnini a giustiziare l'Happy Casa, che paga stanchezza, scelte errate e un altro infortunio, stavolta occorso a Zanelli. Il finale è 85-87.

LA PARTITA

L'Hapoel parte meglio con le giocate da 3 di Harris e De Zeeuw fanno 0-6. Brindisi invece fa fatica ad entrare in ritmo e in difesa concede decisamente troppo. Harris segna il canestro del +8, mentre Pnini fa già segnare la doppia cifra di vantaggio (8-18). Il timeout di Vitucci scuote finalmente Brindisi: prima Gaspardo e poi Perkins e Willis completano un parziale di 10 a 0, che diventa 13 con la tripla del sorpasso di Zanelli (25-22). Gli israeliani tornano davanti sul finire della prima frazione (25-26).

La seconda frazione parte a suon di triple, con McGee particolarmente ispirato: al 14' siamo 32-38 Hapoel. L'Hapoel mantiene il vantaggio ma non scappa, e Brindisi opera il sorpasso con un caldo Visconti: due triple consecutive del torinese fissano il parziale di metà gara sul 50-46 Happy Casa, ma Brindisi perde Zanelli, che si scaviglia durante una delle ultime azioni del quarto.

In apertura di terzo periodo Brindisi allunga con Willis (54-46), ma non dà l'affondo decisivo. L'Hapoel rimane a contatto approfittando anche dei regali di Brindisi, che non trova in Bostic il contributo che si aspetterebbe. A fine periodo siamo 67 a 66.

Nell'ultimo quarto Brindisi invece si inceppa completamente: tanti errori ai liberi e molto nervosismo dato anche da arbitri troppo spesso indecisi nel guardare l'instant replay. L'Hapoel tocca il +5 (68-73), e Brindisi finalmente risale la china. I liberi di Gaspardo valgono il sorpasso, ma ancora una volta Brindisi non azzanna la partita.
I bianoazzurri ritoccano il +5 sull'83-78, ma sbagliano diversi attacchi e concedono agli israeliani il rientro. Misgac pareggia a meno di un minuto dalla fine, ed è Bell stavolta a riportare davanti Brindisi. A 19" dal termine si materializza la beffa: senza ritmo prende la tripla Pnini e la manda a bersaglio per l'Hapoel. L'ultimo tentativo di Thompson gira incredibilmente sul ferro balzando fuori beffardamente. 

Vince l'Hapoel Holol per 85-87, lasciando Brindisi a bocca asciutta all'esordio della seconda fase di Champions League. I biancoazzurri però hanno da recriminare soprattutto con se stessi.

Commenti

"Tutta l'Italia verso la zona rossa"
C/C: 28a Giornata, Avellino e Bari corsare