Cronaca

Incassa oltre 700.000 euro in cambio di mascherine che non esistono, maxi truffa nel brindisino

08.04.2020 10:27

Avevano incassato ben 700.000 euro in cambio di mascherine che, in realtà, non hanno mai prodotto. Quello che vedete è uno dei tanti volantini che avevano messo in giro nelle ultime settimana in provincia di Brindisi.

I finanzieri della Compagnia di Francavilla Fontana, nell’ambito dei servizi di polizia economico-finanziaria, predisposti dal Comando Provinciale di Brindisi, per contrastare chi - approfittando dell’emergenza “Coronavirus” - vende prodotti sanitari non conformi alle norme vigenti, hanno scoperto una truffa, nella fornitura di “mascherine FFP3”, perpetrato in danno di oltre 100 tra farmacie, parafarmacie, associazioni di volontariato operanti sull’intero territorio nazionale.

Tenuto conto dell’onda lunga dell’attuale ingente richiesta di dispositivi di protezione, i prodotti pubblicizzati, attraverso il web, venivano falsamente proposti come disponibili e già pronti per la spedizione, previo pagamento anticipato del corrispettivo a mezzo bonifico bancario.

L’indagine è partita dalla denuncia inoltrata da uno dei soggetti truffati. A finire nei guai il titolare di una ditta di Francavilla Fontana (BR) che opera nel commercio all’ingrosso di imballaggi e suo padre. Entrambi sono stati segnalati all’A.G. per il reato di truffa.

Successivamente, la Procura della Repubblica di Brindisi ha disposto l’esecuzione di perquisizioni locali ed acquisizioni telematiche, che hanno permesso di acclarare l'assoluta indisponibilità dei prodotti reclamizzati, a fronte di ordini raccolti per circa 100.000 unità, con prezzi che oscillavano tra i 5,80 euro e 7,50 euro per singola mascherina. Sono state, inoltre, sottoposte a sequestro le somme relative a tutti i bonifici eseguiti dalle vittime della truffa per un totale oltre 700.000 euro.

Le indagini sono tuttora in corso tenuto conto che potrebbero esserci altri soggetti economici tuttora in attesa della spedizione dei dispositivi ordinati e già pagati.

Commenti

Coronavirus, è nata Giulia: è la figlia di Mattia, il 'paziente uno' di Codogno
Coronavirus, positivo l'ex Brindisi Pasquale Salerno. Il suo appello: "Restate a casa"