Calcio

Brindisi, Arigliano: 'Il club ha la forza per rinforzare la squadra'

"Qualcuno diceva fossi un prestanome, è una cosa che mi offende come imprenditore"

15.10.2021 15:38

CLICCA QUI PER LA PRIMA PARTE DELLE DICHIARAZIONI DI ARIGLIANO (SU CHIANESE)

CLICCA QUI PER LA SECONDA PARTE DELLE DICHIARAZIONI DI ARIGLIANO (SITUAZIONE DEL CLUB E SOCIETARIA)

CLICCA QUI PER LA TERZA PARTE DELLE DICHIARAZIONI DI ARIGLIANO (MERCATO)

Il presidente del Brindisi Daniele Arigliano ha parlato della sua società ai microfoni di Antenna Sud: "Sarebbe folle non ammettere che abbiamo commesso degli errori, altrimenti non avremmo zero punti, ma fortunatamente questa società ha la forza economica e organizzativa per tornare sul mercato".

SOCIETA' - "Me ne hanno dette di tutti i colori, mi hanno detto che ero un prestanome di Vangone, qualcuno si è preso la briga di fare visure attraverso un Caf. Come si può pensare una cosa del genere? Sono brindisino e sono un imprenditore che ci sta mettendo la faccia per provare a costruire qualcosa di importante". 

I SOCI DI MINORANZA - "Francesco Bassi è ancora titolare del 20% e sta dando una grossa mano. Credo sia solo stanco dei sacrifici fatti, per questo ha messo in vendita le quote. La PreBrindisi ha il 5% e mantiene i suoi impegni". 

Commenti

Brindisi, Arigliano: 'Alcuni giovani non hanno retto la pressione, domenica un ragazzo mi ha chiesto di andare via"
Brindisi, Arigliano: 'Chianese valido allenatore, mi aspetto riscatto altrimenti ci confronteremo'